Piano didattico 2020/2021

Master in Sustainable Development Jobs

Il Master di secondo livello in Sustainable Development Jobs promosso dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Fondazione G. Feltrinelli in collaborazione con l’Università degli studi di Milano, il Politecnico di Milano, l’Università degli studi di Pavia e l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS). Un percorso multidisciplinare di alta formazione, basato sulla forte integrazione tra teoria e pratica, che intende sviluppare competenze e conoscenze, combinando i diversi volti della sostenibilità e superando i verticalismi dell’approccio settoriale.

Il Master è promosso da un’alleanza di soggetti attivi nel mondo della ricerca e della didattica, il cui obiettivo è quello di fornire e accrescere una piattaforma di insegnamenti, pratiche, competenze e network in grado di generare un percorso professionalizzante per studenti e un piano di aggiornamento per professionisti del settore.

Sustainable Development Jobs includono una serie di figure innovative e trasversali a istituzioni, enti di ricerca e organizzazioni internazionali, in grado di lavorare ai più svariati livelli della sostenibilità: dal resilience officer al sustainability manager, dal monitoraggio alla valutazione degli impatti sociali e ambientali.

Non solo Corporate Social Responsability e Sustainability Management, ma anche comunicazione e marketing in molte aziende impegnate nel rilancio della propria brand identity o nell’advocacy.

Perché un Master in Sustainable Development Job?

Tanto nello scenario nazionale quanto in quello internazionale, servono nuove competenze lavorative e la disponibilità di approcci elastici e innovativi, in grado di superare i rischi di un significativo mismatch tra la formazione tradizionali e le necessità del mercato del lavoro. Le innumerevoli sfide da affrontare includono la gestione di nuove tecnologie e criteri nella produzione e nell’uso razionale delle risorse (come l’economia circolare), l’ideazione di nuovi modelli di consumo per il pubblico e delle relative atte a modificarne le abitudini, la riorganizzazione e la gestione degli spazi urbani, e il supporto all’integrazione di strumenti di progettazione partecipata a tutela del benessere sia sociale sia economico. Ma anche innovazione sociale, comunicazione, sensibilizzazione.

Sustainable Development Jobs includono una serie di figure innovative e trasversali a istituzioni, enti di ricerca e organizzazioni internazionali, in grado di lavorare ai più svariati livelli della sostenibilità: dal resilience officer al sustainability manager, dal monitoraggio alla valutazione degli impatti sociali e ambientali.

Non solo Corporate Social Responsability e Sustainability Management, ma anche comunicazione e marketing in molte aziende impegnate nel rilancio della propria brand identity o nell’advocacy.

Informazioni

BANDO D’ISCRIZIONE: entro l’11 settembre 2021

DURATA E DIDATTICA: Il Master si svolge dal 23 ottobre 2020. Stage e project work maggio-settembre 2021;
Prova finale e diploma ottobre 2021.

SEDI: Università degli studi di Milano-Bicocca, Piazza della Scienza, 1; Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, viale Pasubio, 5 Milano.

REQUISITI: Tutte le lauree magistrali e lauree vecchio ordinamento e buona conoscenza della lingua inglese.

POSTI: 30

SELEZIONE: Valutazione del curriculum e dei titoli

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 4.500 euro

MAIL: master.sdj@unimib.it

ISCRIVITI

Destinatari

il Master si rivolge a:

1. laureati magistrali e vecchio ordinamento di tutte le classi di laurea in tutti gli ambiti di afferenza;

2. professionisti del settore privato;

3. funzionari della pubblica amministrazione, degli enti governativi;

4. esperti affiliati a organizzazioni non governative e agenzie internazionali.

Obiettivi formativi

1. Creare figure professionali in grado di coniugare l’ambito della sostenibilità con le diverse componenti della società contemporanea: dalle dinamiche imprenditoriali nel settore privato e alle esigenze del settore pubblico, di sapere interagire con le comunità, cogliendone necessità e aspettative.

2. Fornire gli strumenti per analizzare criticamente e in maniera integrata i molteplici aspetti che sottendono al tema della sostenibilità.

3. Promuovere la diffusione di pratiche concrete orientate alla sostenibilità.

Piano didattico

Il piano formativo prevede un percorso che mette in stretta connessione teoria e pratiche di sostenibilità. Le attività si compongono di attività didattiche che, oltre agli inquadramenti teorici dei temi affrontati, fornisce gli strumenti di analisi, progettazione, gestione e monitoraggio essenziali per la comprensione e la gestione integrata degli aspetti sociali, ambientali, economici e culturali che alimentano lo sviluppo sostenibile.

Gli insegnamenti

1) Analysis, conservation and evaluation of biodiversity and natural resources
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca, dove vengono trattati i temi della definizione di biodiversità, della storia della vita sulla terra e sulle possibili vie di gestione, a partire dalla crisi attuale.
2) Basic of circular economy
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca, che ha proposto e conoscenze aggiornate sulle tecnologie avanzate utili per lo sviluppo di una società basata sulla bio-economia. Le principali componenti dell’intera filiera saranno descritte e analizzate, identificando i bisogni e i benefici tecnologici derivanti dal passaggio di paradigma all’economia circolare.
3) Principles and methods for an integrates evaluation of social and environmental impact
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca. Gli studi sugli impatti della mobilità e della nuova morfologia degli insediamenti socio-economici e residenziali, oltre a fornire strumenti di analisi e valutazione preventiva degli impatti sull’ambiente, utilizzabili nell’ambito delle procedure di Valutazione di Impatto ambientale, di Valutazione Ambientale Strategica e di Autorizzazione Integrata Ambientale.
4) Sustainable development: policy, concepts and measures
A cura di Università degli Studi di Pavia. L’intento è di discutere i principali concetti di sviluppo e le relative misure in chiave critica e di esaminare strumenti e politiche di sostenibilità. Dalle agende di sviluppo: dagli MDGs agli SDGs; all’analisi della crescita, diseguaglianza e povertà, fino alla discussione di Indicatori di sviluppo economico (tassi di crescita), di sviluppo umano (HDI, IHDI, MPI etc) e di mancato sviluppo.
5) Integrated design of sustainable nutrition-sensitive agro-food system
A cura di Università degli Studi di Milano, il corso propone competenze nell’ambito della progettazione innovativa di sistemi alimentari attenti alla nutrizione secondo un approccio basato sul cibo per sistemi agroalimentari e stili di vita sostenibili; fino al ripensamento dell’intero sistema alimentare, dall’azienda agricola alla trasformazione, al trasporto, al consumo fino alla gestione dei rifiuti.
6) Sustainable consumer choices and food policy
A cura di Università degli Studi di Milano. L’insegnamento mira a fornire gli strumenti per analisi del quadro generale della sostenibilità nel sistema alimentare con particolare focus su trend di consumo nel mercato alimentare; sui drivers che determinano le scelte di consumo; sugli standard di sostenibilità degli alimenti;  sull’etichettatura e la certificazione dei prodotti alimentari e sulle politiche di  food market.
7) Planning for sustainability. cities and communities
A cura del Politecnico di Milano, il modulo prevede lo studio di strategie di progettazione partecipata in contesti ad alto livello di vulnerabilità sociale, economica, ambientale, con un focus negli ambiti della pianificazione di città e comunità sostenibili e la progettazione partecipata degli spazi urbani.
8) Territorial planning and climate changes
A cura del Politecnico di Milano. Il corso prevede l’analisi, la progettazione e la gestione degli spazi urbani con un focus sull’adattamento e sulla mitigazione degli effetti di fattori di stress sugli ecosistemi antropici, attraverso la declinazione del concetto di resilienza nelle sue diverse accezioni.

Piano didattico dei laboratori

Project management

Il laboratorio ha l’obiettivo di introdurre e descrivere le principali strategie di gestione di progetti rivolti a obiettivi di sostenibilità, con particolare riferimento agli SDG, attraverso lezioni ed esercitazioni pratiche per la definizione e la presentazione di idee e piani progettuali. Le principali fasi di lavoro vanno dall’individuazione di obiettivi strategici alla definizione della partnership, dalla gestione della struttura analitica del progetto alla sua comunicazione.

  • Introduzione al project management: Introduzione alle fasi del ciclo di vita del progetto (Project Cycle Management), Logical Framework Analysis e analisi di fattibilità. I temi trattati includono l’individuazione di obiettivi strategici, necessità e opportunità, la definizione della partnership e dei requisiti di eleggibilità dei soggetti, la raccolta e l’analisi di documenti e informazioni, l’identificazione dei criteri per la valutazione della qualità del progetto, e la valutazione strategica dell’impatto sociale.
  • Project draft e business plan: Introduzione e descrizione degli strumenti per la programmazione degli step e la quantificazione delle risorse, incluse le strategie per il monitoraggio dell’avanzamento del progetto e la sua comunicazione.
  • Fonti di finanziamento: Panoramica delle possibili fonti di finanziamento, e focus sugli strumenti (tra cui Horizon 2020, PAC, PSR, incentivi al settore ricerca e sviluppo) a supporto dello sviluppo sostenibile e degli obiettivi SDG.

Valutazione di impatto

Gli strumenti utili per la valutazione dell’impatto di un progetto includono indicatori per la misurazione e la quantificazione delle performance nell’ambito ambientale, sociale e di governance (Environmental, Social, and Governance, ESG). Il laboratorio ha l’obiettivo di introdurre e descrivere i principali sistemi di indicatori disponibili per valutare e monitorare l’impatto di progetti nell’ambito della sostenibilità, anche attraverso la presentazione di casi di studio.

  • Misurazione della sostenibilità: Descrizione delle principali tecniche, strumenti e standard per la misurazione delle performance di sostenibilità, inclusi gli indicatori elementari e compositi.
  • Tipologie di impatto: Introduzione agli elementi fondamentali per la misurazione integrata dell’impatto rispetto ai criteri ESG (ambiente, società, governance).
  • Implementazione delle valutazioni di impatto: Aspetti pratici di integrazione degli indicatori di sostenibilità attraverso l’analisi delle attuali evidenze e casi di studio.
  1. Sostenibilità e responsabilità

Il laboratorio ha l’obiettivo di introdurre le dimensioni e aspetti chiave della responsabilità nell’ambito di progetti di sviluppo sostenibile per pubbliche amministrazioni, aziende e terzo settore.

  • Obiettivi e strumenti della responsabilità: Introduzione agli obiettivi e gli strumenti per la valutazione della responsabilità di differenti attori coinvolti in progetti di sostenibilità. I temi trattati includono RRI, Corporate Social Responsibility, greenwashing, dichiarazione non finanziaria, marketing, social business e benefit corporation, investimenti di impatto, finanza sostenibile, e report di sostenibilità.
  • Vantaggi e svantaggi della responsabilità: Pro e contro della responsabilità sono considerati rispetto a diversi concetti chiave, tra cui l’ottimizzazione delle attività, il risparmio economico, il marketing, la reputazione e la brand position.

Progettazione partecipata e stakeholder engagement

Il laboratorio di progettazione partecipata e stakeholder engagement verte sui processi e le tecniche di ingaggio di diversi attori nell’ambito di progetti di sviluppo sostenibile, gli strumenti di approccio partecipativo, e la panoramica delle principali best practice a livello locale, regionale e nazionale.

  • Approccio partecipativo: Descrizione di processi, tecniche e strumenti di partecipazione, analisi di obiettivi, vantaggi e svantaggi dell’approccio partecipativo rispetto a comunità e organizzazioni, stakeholder mapping, analisi del ruolo e dell’influenza degli attori coinvolti, pianificazione e gestione di processi partecipativi.
  • Stakeholder e community engagement: Focus sugli obiettivi, i livelli e le strategie di ingaggio, vantaggi e svantaggi dell’approccio, gestione dei processi, e strumenti di engagement.
  • Modelli e casi di studio: I modelli di ingaggio e casi di studio analizzati includono il programma Man and Biosphere – Unesco, il turismo responsabile, i progetti della Fondazione G. Feltrinelli, la partecipazione delle pubbliche amministrazioni e diverse azioni di stakeholder engagement.

Science diplomacy e cultura della sostenibilità

Il laboratorio si focalizza sulle connessioni tra scienza, politica e società, al fine di favorire i cambiamenti di impatto, il supporto della pubblica opinione, l’advocacy delle istituzioni, e la nascita di nuovi meccanismi di governance in direzione degli SDG. Vengono analizzati metodi e pratiche per la comunicazione della sostenibilità, con particolare riferimento all’utilizzo di approcci innovativi di coinvolgimento del pubblico, anche attraverso simulazioni di casi di studio.

  • Comunicazione della scienza: Obiettivi, funzioni e metodi della comunicazione scientifica, ricerca, prospettive e applicazioni, percezione e comprensione della scienza da parte del pubblico, fake news.
  • Scienza e democrazia: partecipazione e supporto del pubblico alle decisioni dall’ambito tecnico-scientifico, teoria e pratica, modelli di dialogo, limiti e opportunità.
  • Science diplomacy: temi dello sviluppo sostenibile, contributo della scienza per decisori politici e aziende, ruolo di lobby e advocacy, implicazioni etiche, politiche e sociali dei temi di natura scientifica e tecnologica, consensus building.
  • Media e social media: tecniche di produzione di contenuti multimediali per la comunicazione della scienza della sostenibilità, tecnologie web e network digitali per la diffusione della cultura della sostenibilità, nuovi strumenti di e-participation, ingaggio di stakeholder, citizen science e crowdsourcing.

Bando di iscrizione

Online il bando di iscrizione al Master di II livello in Sustainable Development Job a.a. 2020/2021
clicca qui

Per leggere il regolamento clicca qui