Democrazie Inquiete

 Viaggio nelle trasformazioni dell’America Latina

dal 22 al 24 marzo
letture, proiezioni e dibatti sul futuro della democrazia latinoamericana
in viale Pasubio, 5 a Milano

tre giornate dedicate ai temi delle Risorse, delle Diseguaglianze e dei Diritti

In uscita l’eBook Democrazie Inquiete a cura di Valerio Giannattasio e Raffaele Nocera dell’Orientale di Napoli


immagine

Una finestra sulle trasformazioni dell’America Latina attraverso testi, voci e immagini. Dal 22 al 24 marzo, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli in collaborazione con Where Future Beats, 27° edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, presenta “Democrazie Inquiete, viaggio nelle Trasformazioni dell’America Latina”. Un percorso che presenta le sfide della democrazia in America Latina attraverso tre temi: lo sfruttamento delle Risorse, l’impatto delle Diseguaglianze e la lotta per i Diritti.

Ognuna delle tre serate sarà caratterizzata da letture dal Patrimonio librario; dibattiti a cura del network di Ricerca della Fondazione, con la partecipazione di Michele Bertelli, Raffaele Nocera, Marzia Rosti e Manuel Anselmi; proiezioni di film e documentari del Festival, come The Tortoise and The Tapir di Eliza Capai, sull’impatto delle centrali idroelettriche in Amazzonia, Much Ado About Nothing, in anteprima mondiale, del regista Alejandro Fernandez Almendras sulle disuguaglianze in Cile e El Amparo, su un caso di mala giustizia in Venezuela del regista Rober Calzadilla, che sarà presente in sala.

Durante l’iniziativa verrà pubblicato l’ebook collettaneo Democrazie Inquiete che raccoglie e analizza vicende politiche, economiche e sociali di alcuni paesi dell’America Latina nell’arco dell’ultimo quarto di secolo. La raccolta, a cura di Valerio Giannattasio e Raffaele Nocera dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, indaga una regione che, negli ultimi 15 anni, ha cercato di coniugare politiche di sviluppo economico e inclusione sociale, mettendo al centro dell’agenda pubblica la riduzione delle disuguaglianze e la costruzione di un sistema più giusto. Oggi questo modello si scontra con i suoi limiti: la dipendenza dall’esportazione e dal prezzo delle materie prime; lo sfruttamento delle risorse naturali; la difficoltà delle sinistre regionali a costruire consenso, in una congiuntura economica sempre più difficile.

 


Il programma

 

  • Mercoledì 22 marzo – dalle 21.00
    RISORSE

LETTURA: Testi tratti dal Patrimonio archivistico e librario di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

INTRODUZIONE: Michele Bertelli, giornalista e videomaker, farà un breve intervento sul lavoro realizzato sulla guerra dell’acqua in Bolivia intitolato Bolivia’s everyday water war, di Michele Bertelli, Javier Sauras e Felix Lill, per la regia Michele Bertelli, 2016.

PROIEZIONE: The Tortoise and The Tapir (O Jabuti e a Anta) di Eliza Capai.

La siccità a San Paolo è il punto di partenza di un viaggio, un boat movie, che ci porta nel cuore dell’Amazzonia per capire come funzionano le gigantesche centrali idroelettriche e il loro impatto sugli uomini e sulla natura.

  • Giovedì 23 marzo – dalle 20.30
             DISEGUAGLIANZE

LETTURA: Testi tratti dal Patrimonio archivistico e librario di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
INTRODUZIONE: Dialogo tra Raffaele Nocera, vice-presidente del Centro Studi sull’America Latina dell’Università di Napoli L’Orientale e Marzia Rosti, dell’Università degli Studi di Milano che dibatteranno sulle sfide politiche, economiche e sociali che hanno caratterizzato la marea rosada e delle trasformazioni in atto nella società latinoamericana.

PROIEZIONE: Anteprima mondiale di Much Ado About Nothing del regista cileno Alejandro Fernandez Almendras, già vincitore del Sundance Film Festival.

Basato su un fatto realmente accaduto, il film racconta la storia di Vicente Maldonado, un giovane accusato di aver investito e ucciso un uomo. Nonostante non sia colpevole perché alla guida si trovava Manuel Larrea, figlio di un importante senatore, Vicente, che non ricorda nulla dell’incidente in quanto ubriaco, diventa rapidamente il capro espiatorio degli avvocati della difesa del rampollo Manuel. Impunità delle classi e arroganza del potere nel Cile oggi.

  • Venerdì 24 marzo dalle 20.30
    DIRITTI

LETTURA: Testi tratti dal Patrimonio archivistico e librario di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
INTRODUZIONE: Manuel Anselmi, Università degli Studi di Perugia, che introdurrà la proiezione descrivendo il caso emblematico dell’esperienza venezuelana, dell’utopia e della distopia che hanno caratterizzato la cosiddetta revolución bonita, che incarna le principali contraddizioni che hanno attraversato le recenti esperienze latinoamericane.

PROIEZIONE: El Amparo di Rober Calzadilla alla presenza del regista. Il film partecipa anche alla competizione del festival per il miglior lungometraggio.

Da una storia vera accaduta ad Amparo in Venezuela al confine con la Colombia. Nel 1988 un gruppo di pescatori, presi per guerriglieri, viene ucciso in un’imboscata. Dopo 28 anni i due superstiti, Chumba e Pinilla, sono ancora a El Amparo e chiedono che il caso sia passato dal tribunale militare a quello civile. Nessun governo finora li ha ascoltati.

 

 

Aree di ricerca: